Tutte le citazioni sono tratte dall’articolo “TURN DOWN THE HEAT” pubblicato da National Geographic Creative Works.

“Quello che succede nell’Artico non rimane nell’Artico”

© Jasper Gibson

È ora di

COMBATTERE IL RISCALDAMENTO GLOBALE

Una donna e la sua ricerca per comprendere il cambiamento climatico

“L’Artico si sta letteralmente sciogliendo davanti ai nostri occhi”.

Il permafrost, uno spesso strato di terreno ghiacciato tipico soprattutto delle regioni polari, contiene il doppio dell’anidride carbonica contenuta nell’atmosfera.

Quando il ghiaccio si scioglie a causa del riscaldamento globale, si formano laghi artici che consumano naturalmente i microbi presenti nel suolo trasformandoli in metano, un gas serra molto più potente dell’anidride carbonica.

Comprendere le implicazioni dello scongelamento del permafrost e l’impatto dello scioglimento dei laghi artici che producono metano è diventato fondamentale per comprendere il cambiamento climatico.

© Jasper Gibson

“Fino al 10% del riscaldamento globale previsto per questo secolo potrebbe derivare dallo scongelamento del permafrost”

L’Artico si sta riscaldando due volte più velocemente del resto del pianeta e la ricerca di Katey Walter Anthony ha contribuito a rivelare che i laghi artici emettono cinque volte più metano di quanto si pensasse in precedenza.

Si prevede che le emissioni di questi laghi, noti anche come laghi termocarsici, raggiungeranno il picco entro il 2050 ed è sufficiente un solo anno perché quei potenti gas serra si disperdano nella nostra atmosfera globale.

All’interno degli strati
di permafrost si trova il
doppio
dell’anidride carbonica
rispetto all’atmosfera.

I laghi artici emettono
5 volte
più metano di quanto si
pensasse in precedenza.

Entro il 2050
gli oceani artici saranno privi
di ghiacci durante i mesi estivi
e gli orsi polari potrebbero
estinguersi in natura.

Il 10% del
riscaldamento globale di questo
secolo potrebbe derivare dallo
scongelamento del permafrost,
con un impatto
sull’intero pianeta.

Un aumento della
temperatura di 4°C si sta
verificando in meno di 100 anni a
causa delle emissioni di anidride carbonica
indotte dai combustibili fossili.

Le emissioni di CO2 sono
prodotte bruciando combustibili
fossili per creare energia.

La scelta della tecnologia
per il risparmio energetico
può ridurre le emissioni di CO2.

"La maggior parte degli orsi polari, ad esempio, potrebbe estinguersi in natura entro la fine di questo secolo”.

La domanda non è più se l’Artico si sta sciogliendo, ma quanto velocemente. Secondo la NASA, sebbene molti modelli prevedano che l’Oceano Artico diventerà libero dai ghiacci per parte dell’anno prima del 2100, altri modelli prevedono che ciò avverrà molto più rapidamente, entro i prossimi cinquant’anni. In ogni caso, le conseguenze sarebbero devastanti per gli ecosistemi naturali.

© NATGEO CREATIVE WORKS

Sebbene Katey riconosca che il quadro dipinto per il futuro sia piuttosto fosco, è pronta ad affermare che abbiamo tutti bisogno di passare più tempo a contatto con la natura, anziché vivere nella paura. “Stando all’aperto, l’impatto sulla nostra salute e il nostro rapporto con l’ambiente naturale migliorano. Recuperare questo contatto con la natura è una delle cose più importanti che possiamo fare. Se ci impegniamo con tutto il cuore, saremo guidati nelle nostre decisioni future verso la cosa giusta”.

“Se le aziende e le persone prendono decisioni intelligenti sulla tecnologia che utilizzano, potranno fare la differenza in difesa dell’ambiente”.

© Jasper Gibson

“Se investiamo in tecnologie per il risparmio energetico, potremo risparmiare denaro nel lungo termine, riducendo immediatamente le emissioni di anidride carbonica”.

Katey stampa copie di mappe e dati della sua ricerca sul campo e osserva che aziende come Epson hanno introdotto stampanti con tecnologia a freddo a basso consumo energetico. Consumi energetici inferiori comportano meno combustibili fossili, quindi meno emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera.

© Jasper Gibson

Trasforma il futuro della stampa con la tecnologia a freddo

Il passaggio dalle stampanti laser a quelle con tecnologia a freddo consente di utilizzare meno energia e ridurre l’impatto ambientale della stampa.

Contattaci

Per maggiori informazioni sulla tecnologia a freddo, inserisci i tuoi dati qui di seguito e sarai ricontattato al più presto da Epson.

HAI ALTRE ESIGENZE?
I campi contrassegnati con * sono obbligatori.