Epson sinonimo di fotografia digitale: quando arte e tecnologia sono unite.

Epson collabora con il Museo di Fotografia Contemporanea per la promozione della fotografia come espressione culturale.

Epson collabora con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo (Milano), unico in Italia, di cui condivide l’obiettivo di preservare il patrimonio (un milione di fotografie di oltre 300 autori del Novecento), promuovendo e studiando la fotografia stessa, alla luce delle trasformazioni tecnologiche in corso, e del rapporto fra la fotografia e le altre discipline espressive.

Pioniera nella stampa digitale della fotografia, Epson, attraverso la collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea, conferma il proprio ruolo di primo piano nella trasformazione che la fotografia sta vivendo.

“Il ruolo di Epson è molto interessante – spiega Roberta Valtorta, Direttore Scientifico del Museo - perché aiuta il museo economicamente e partecipa fattivamente alle scelte. In generale, ci offre un dialogo che riguarda anche le novità tecnologiche. Lo stesso tema della tecnologia è oggi estremamente importante per la fotografia contemporanea. Il digitale è la realtà attuale della fotografia. Pertanto diventa molto importante, anche da un punto di vista teorico, quindi dell’identità del mezzo artistico che la fotografia è, approfondire con cura la tecnologia”.
 
La fotografia è oggi un’arte tecnologica in trasformazione ed Epson continua la propria attività di ricerca e sviluppo, per offrire strumenti sempre più innovativi alla fotografia digitale. La collaborazione con il Museo ribadisce la volontà di Epson di essere non solo protagonista sotto il profilo dell’innovazione tecnologica, ma anche nella promozione della fotografia come espressione culturale.