Scuola secondaria di Linden

Videoproiettori e stampanti Epson per l’insegnamento

Scuola secondaria di Linden

L’installazione di circa 80 videoproiettori a ottica corta e otto sistemi di stampa di Epson fa parte della strategia di digitalizzazione presso la scuola secondaria Linden di Hannover. Le tecnologie date per scontate nell’ambito dell’ufficio iniziano a essere prese in considerazione anche per l’insegnamento negli ambienti scolastici moderni. In Germania, la scuola secondaria di Linden (IGS) ospita 1400 studenti per cicli di studio di scuola media inferiore e superiore. Il 45% proviene da famiglie di migranti.

La scuola secondaria di Linden (IGS-Linden) in Germania ospita 1.400 studenti per cicli di studio di scuola media inferiore e superiore. Il 45% proviene da famiglie di migranti.

“Tutti i ragazzi sono i benvenuti”, come spiega Peter Schütz, il preside di Linden. “Nessun ragazzo che ha frequentato una delle scuole elementari del nostro bacino di utenza territoriale è escluso”. Ciò significa che un totale di 125 alunni con esigenze educative speciali nell’apprendimento e nello sviluppo emotivo e sociale sono supportati in 36 classi di inclusione. Su un totale di 140 insegnanti, 20 sono specialisti in questo campo.

Progetto pilota per la digitalizzazione nelle scuole

“Abbiamo iniziato a digitalizzare i contenuti didattici circa sei anni fa, con un piccolo progetto per tablet”, afferma Peter Schütz. “L’abbiamo presentato alla pubblica amministrazione regionale, che ha deciso di attuare un progetto pilota per la digitalizzazione in sei scuole di Hannover, e IGS-Linden è stata una delle scuole pilota.

Da lì, il passo verso l’acquisto dei videoproiettori Epson è stato molto breve”, continua Peter Schütz. “Questo perché avevamo già esaminato le soluzioni di molti produttori diversi e avevamo notato che la gamma di videoproiettori Epson era molto avanzata in termini di adattamento in ambienti scolastici”.

I videoproiettori Epson sono stati quindi acquisiti per tutte le scuole partecipanti al progetto pilota. IGS-Linden da sola ha dotato ciascuna delle sue 80 aule e sale di insegnamento specialistiche di videoproiettori a ottica corta Epson EB-695Wi e ha sostituito le vecchie lavagne con lavagne interattive a metà del 2017.

Lezioni interessanti con i videoproiettori Epson

I videoproiettori fanno parte di una soluzione concettuale che collega lavagne e computer a un singolo controller. “Lavorare con questa combinazione è fantastico”, dichiara il preside. “I nostri insegnanti sono muniti di tablet per presentare facilmente i contenuti”. I videoproiettori sono semplici e facili da usare. Dopo essere state accese, le lavagne interattive possono essere utilizzate proprio come le tradizionali lavagne, con penne o usando le dita (grazie alla funzione finger touch).

Nelle lezioni pratiche, l’insegnante usa il tablet come una piccola lavagna davanti a sé. Scrivendoci sopra, farà apparire automaticamente il testo sulla lavagna interattiva. L’insegnante può rivolgersi per iscritto agli alunni e comunicare direttamente con loro. A loro volta, gli studenti possono presentare le risposte tramite il videoproiettore: questo è una modalità di lavoro che consente maggiore interazione tra insegnante e studente. Il software di proiezione da più PC fornito con l’apparecchiatura aiuta inoltre insegnanti e alunni a utilizzare i contenuti digitali e a lavorare contemporaneamente.

Un altro aspetto in termini di praticità è la possibilità per gli insegnanti di combinare i risultati del lavoro in un file da scambiare con gli altri via e-mail o attraverso la rete. “I videoproiettori ci offrono un supporto di gran lunga migliore rispetto ai metodi di lavoro analogici utilizzati in passato”, spiega Peter Schütz. “Questo tipo di insegnamento ci aiuta anche a lavorare in una situazione multiculturale presente fra i nostri studenti”.

La digitalizzazione è ben accolta dagli alunni. Il 50% dei genitori ha iscritto i propri figli alle lezioni con tablet. Le scuole sono in grado di fornire i tablet come parte del progetto pilota della pubblica amministrazione regionale. A partire dall’undicesimo grado, tutti gli alunni hanno la possibilità di lavorare con i tablet.

Nel complesso, Peter Schütz è entusiasta dei videoproiettori Epson: funzionano in modo affidabile, la qualità delle immagini è eccellente alla luce del giorno, l’immagine è priva di distorsioni e può raggiungere una diagonale di 100 pollici (2,54 m), abbastanza grande da essere vista facilmente anche dagli ultimi banchi. I costi di gestione inoltre sono ridotti grazie alla lunga durata della lampada di 4.000 ore, che corrisponde a circa quattro anni di funzionamento in modalità Economy.

Rispettose dell’ambiente e convenienti: stampanti inkjet Epson

A inizio 2018, IGS-Linden ha installato anche un totale di otto sistemi di stampanti Epson inkjet A3 nel livello secondario I, sostituendo due vecchi modelli laser.

Sette stampanti WorkForce multifunzione possono stampare fino a 35 pagine al minuto. Sono state installate negli edifici del livello secondario I in modo da evitare agli insegnanti di attraversare tutta la scuola. La più potente delle stampanti, una multifunzione WorkForce Enterprise in grado di stampare fino a 100 pagine al minuto, è stata installata centralmente nel mezzo della biblioteca scolastica e può essere utilizzata anche dagli alunni o per la stampa personale, a pagamento.

Peter Schütz sottolinea che la stampa e la fotocopia di materiali di lavoro è ancora importante in questa era di lezioni potenziate digitalmente. Anche in futuro i bambini richiederanno punti di riferimento tattili e “come scuola, ci impegniamo a mantenere tutti i materiali di apprendimento in forma cartacea”, spiega.

La scuola ha anche scelto i sistemi di stampa Epson in modo che i videoproiettori potessero essere collegati in rete con le stampanti in un secondo momento e a condizione di avere un ampio profilo di requisiti dei sistemi. Poiché IGS-Linden è certificata come scuola ambientale europea (“Umweltschule Europa”), anche le stampanti multifunzione dovevano essere economiche ed efficienti dal punto di vista energetico. Le stampanti laser non erano un’opzione valida, mentre quelle inkjet sono un’alternativa efficace perché hanno consumi energetici significativamente inferiori (fino al 95%). L’inkjet riduce inoltre in modo significativo gli sprechi. In particolare, i modelli Epson per l’ufficio utilizzano sacche di grandi dimensioni con inchiostri a base d’acqua (tecnologia RIPS) anziché cartucce di toner. Copia, scansione, stampa e invio di fax fronte/retro in automatico consentono inoltre di risparmiare carta.

“Inoltre, abbiamo dovuto essere estremamente cauti con i nostri calcoli”, spiega Peter Schütz, “perché la stampa e la copia, che arrivano a circa 200.000 fogli all’anno, non sono finanziati dal comune. Provengono invece dalle indennità dei genitori e alcuni genitori non sono particolarmente ricchi. Inoltre, il locatario dei sistemi di stampa non è la scuola stessa, ma l’associazione di supporto IGS-Linden”. Sebbene ora siano installati più dispositivi che mai, l’onere finanziario sui genitori non è aumentato.

Anche il monitoraggio dell’utilizzo e il calcolo del numero totale di pagine stampate sono stati importanti per la scuola. Papercut ora svolge questo compito con un software speciale, sollevando gli insegnanti dall’esigenza di tenere traccia del numero di copie effettuate.

Cooperazione in loco con i partner

Peter Schütz è rimasto colpito dal partner Epson Office Hoch 5, che ha progettato e installato l’apparecchiatura. Lo specialista dell’ufficio con sede ad Hannover può arrivare rapidamente sul posto e offrire buona assistenza in modo flessibile. Il preside sottolinea che i fornitori devono comprendere le esigenze delle scuole per poter offrire soluzioni adeguate in questo settore. “Tutto è andato esattamente come avevamo concordato, dalle prime discussioni e trattative contrattuali con Office Hoch 5 alle fasi di offerta e test, fino all’installazione del software e dei dispositivi”, afferma. Spera di continuare questa collaborazione di fiducia per progetti futuri come l’impiego nel livello secondario II di stampanti inkjet.