Epson: Calendari da collezione

Ogni anno Epson celebra la propria eccellenza nella stampa fotografica con un calendario firmato dai più illustri nomi della fotografia italiana, di fama internazionale

Tempo di Epson.

Il Calendario Epson è una tradizione. Ogni anno un fotografo italiano di fama internazionale firma dodici mesi che accompagneranno i destinatari dell'opera per tutto l'anno successivo.

Storia, cultura, tradizione: da dodici anni a questa parte i mesi di ogni anno sono affidati da Epson all'arte di maestri della fotografia, italiani di nascita, ma internazionali di fama: Giorgio Lotti, Franco Fontana, Mario De Biasi, Giovanni Gastel, Mimmo Jodice, Ferdinando Scianna, Gian Paolo Barbieri, Gianni Berengo GardinMassimo Vitali, Vittorio Storaro, Gabriele Basilico, Maurizio Galimberti, Stefano Unterthiner, Luca Campigotto, Renato Marcialis e Francesco Radino.

Per mettere in evidenza il rapporto particolare tra Epson e la fotografia, iniziava nel 2000 quella che è diventata una tradizione consolidata: ogni anno da allora Epson annuncia l'anno successivo con un Calendario firmato da un grande nome della fotografia. Prodotti in edizione limitata e numerata, i Calendari Epson presentano dodici immagini realizzate con le stampanti Epson a getto d'inchiostro e incollate, una a una, su ogni calendario, stampato a tiratura limitata.

I Calendari Epson da collezione:

2001 - Giorgio Lotti - "Luce, Colore, Emozione"

2002 - Franco Fontana - "Paesaggio immaginario"

2003 - Mario De Biasi - "Immagini che contano"

2004 - Giovanni Gastel - "La realtà immaginata"

2005 - Mimmo Jodice - "Mare"

2006 - Ferdinando Scianna - "Allo specchio"

2007 - Gian Paolo Barbieri - "Eleganza naturale"

2008 - Gianni Berengo Gardin - "Poesie italiane"

2009 - Massimo Vitali - "Paesaggi umani"

2010 - Vittorio Storaro - "Scrivere con la luce"

2011 - Gabriele Basilico - "Dentro la città"

2012 - Maurizio Galimberti - "Passato Contemporaneo"

2013 - Stefano Unterthiner - "Equilibri Naturali"

2014 - Luca Campigotto - "Scenari"

2015 - Renato Marcialis - "Luci e ombre"

2016 - Francesco Radino - "Aure d’Oriente"